Martedì, 11 Dic 2018
You are here: Home Liturgie Necrologi In ricordo di Don Vincenzo Ciaccio 2

Bacheca parrocchiale

Ambulatorio medico parrocchiale Si comunica che ogni mercoledì mattina dalle 9,30 alle 12,30 e venerdì pomeriggio dal...
Noi del Volontariato Vincenziano rivolgiamo un appello per una famiglia particolarmente bisognosa di tutto il necessario...
Guardaroba: Il Gruppo Volontariato Vincenziano che gestisce il servizio guardaroba comunica che si ricevono  indumenti...

Archivio parrocchiale

Il sacerdozio e Maria. A conclusione dell’anno sacerdotale, vogliamo presentare una riflessione sul legame tra la Mad...
Il caso: il distributore di carburante. (articolo pubblicato su "La Sicilia" del 12 agosto 2010) Accanto alla chiesa i...
Ex cattedrale nel deserto. Pubblicato il bando pubblico per l’appalto dei lavori di completamento di una delle due ...

Auguri a...

Antonella e Luciano annunciano a tutta la comunità che l' 11 febbraio 2013 è nato il loro primogenito Fabrizio. La Ch...

Shinystat

Avviso importante

Programma settimanale della parrocchia

Attivita del mese

Ottobre 2012 21 Domenica XXIX Domenica del Tempo Ordinario Giornata Missionaria Mondiale: Raccolta. Ritiro Spirituale Comunità “Gesù ama” Ritiro Spirituale Rinnovamento nello Spirito Catechesi... Leggi tutto...
Corso matrimoniale

Sono on-line le nuove schede del corso di preparazione al matrimonio. Visita la sezione "modulistica" oppure la sezione "Corsi" per scaricarle... 
La nuova chiesa

Sono state pubblicate le foto del progetto della nuova chiesa BMV di Loreto. Potete vederle all'interno del menu "La Chiesa" nella sezione "la chiesa domani" 
Giovedì sacerdotale

Giovedì 8 novembre ore 18,00: Giovedì sacerdotale presso la chiesa della Matrice.   I prossimi incontri sono previsti nei seguenti giorni: 08.11.2012 ore 18,00 Matrice06.12.2012 ore 18,00... Leggi tutto...
Corsi matrimoniali

Disponibile il modulo per la frequenza ai corsi matrimoniali e le schede del corso nella sezione corsi/corsi matrimoniali/schedecorso 
Lectio Divina

Ogni martedì, alle ore 18,00, in parrocchia si terrà la lectio divina. Il tema che sarà sviluppato quest’anno riguarda il CREDO. Ci interrogheremo sul senso da dare a questo verbo. Cercheremo di... Leggi tutto...
In ricordo di Don Vincenzo Ciaccio 2 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Giugno 2012 06:57

In ricordo di Don Vincenzo Ciaccio

padre_ciaccioLa prima parola che mi esce spontanea dalla bocca è un sincero GRAZIE. Grazie anzitutto per il suo sorriso, disarmante, generoso con il quale riusciva a coprire anche le difficoltà fisiche. Un sorriso che rivelava quella gioia profonda, che nasceva nel suo cuore libero e dedito sempre al Signore. Nel volto di ciascuno di noi si legge con chiarezza la mestizia per il distacco da una persona cara, uno di famiglia, a cui non si poteva non voler bene, accompagnata dalla certezza che proviene dalla fede che il nostro fratello don Vincenzo ora è nelle mani di Dio, contemplando la sua gloria. Io gli sono particolarmente grato, per la grandissima stima che nutriva nei miei confronti e per l’affetto che mi mostrava.

Un prete, un uomo, schivo ed umile, “dalle mani sporche” per usare un’immagine di Péguy, per la materia prima che è obbligato a trattare, i nostri peccati, mani infangate che non si sono stancate mai di alzarsi per assicurare a tutti l’abbraccio misericordioso di Dio Padre. Un uomo consapevole dei propri limiti e delle proprie fragilità umane.

Nato a Sciacca il 26.12.1920, da una famiglia dalla fede genuina, dove il senso del dovere, la solidarietà, il rispetto dell’altro erano ritenuti valori sacri trasmessi e impastati con il duro lavoro quotidiano. In questo clima maturava il desiderio di consacrarsi al Signore e servire i fratelli attraverso il ministero presbiterale. Scelta questa che qualche anno dopo sarà fatta anche dal fratello Giuseppe. Verrà ordinato sacerdote a Sciacca il 24.06.1945 ed eserciterà il suo ministero prevalentemente a Sciacca. Come un “altro Cristo” vivrà cercando di spezzare per tutti il pane eucaristico ed esercitando il ministero della riconciliazione. Invecchierà rimanendo sempre fresco e giovane nel cuore.

E’ un dovere per noi custodire e conservare la memoria dei nostri cari, delle persone che abbiamo conosciuto e amato, per non perdere l’eredità spirituale che ci hanno lasciato. E di don Vincenzo dobbiamo dire si tratta davvero di un ricco patrimonio di valori umani e sacerdotali. Tutti abbiamo potuto apprezzare la sua piena dedizione e il suo zelo nel compimento del ministero presbiterale: sempre accogliente, sorridente, generoso, disponibile a dare una mano ai confratelli. Di poche parole, ma assai attento ai bisogni della comunità ecclesiale. A quelli che lo avvicinavano comunicava la gioia e la bellezza del Cristo senza trascurare, quando occorreva, anche un sostegno materiale. La Chiesa per lui non era semplicemente un luogo di culto, ma un luogo di incontro tra amici, un luogo di incontro tra il Dio incarnato nella storia e l’uomo. E così tutte le celebrazioni respiravano questo particolare clima amicale, un momento di crescita, una continua verifica. L’adorazione eucaristica era un appuntamento quotidiano nel cammino parrocchiale e un’esperienza forte di silenzio per quanti, anche se solo di passaggio, si fermavano per ascoltare nel silenzio la Parola di vita.

Da credenti, la morte del nostro caro don Vincenzo dobbiamo leggerla come quella di Gesù, nella logica del seme che muore e marcisce perché si realizzi una vita nuova. Ha lavorato con dedizione, passione senza mai risparmiarsi. Lo abbiamo visto tutti, alla fine, trascinarsi, consumarsi, fino a morire nel Signore, totalmente abbandonato in Lui. Ora è nel riposo di Dio, accompagnato dalle opere da lui compiute. Ci piace poterlo immaginare avvolto dall’abbraccio di quel Signore, che ha umilmente servito e annunciato, in possesso di quella gioia che non avrà mai fine. La liturgia per i defunti ci fa pregare così: “Ammettili a godere la luce del tuo volto”. La tappa finale del nostro cammino di fede è la gioia piena, contemplando il volto del Signore.

Ancora grazie a Dio per questo stupendo regalo che ci ha dato in don Vincenzo, ai suoi familiari, ai confratelli presenti e a tutti voi che partecipate a questa celebrazione. Un grazie che si fa preghiera, perché il suo posto venga occupato da un altro, che come don Vincenzo, si fidi di Dio.


Don Gino Faragone

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Giugno 2012 00:56