Sabato, 19 Gen 2019
You are here: Home Liturgie Commenti alla liturgia domenicale Epifania 2019

Bacheca parrocchiale

Ambulatorio medico parrocchiale Si comunica che ogni mercoledì mattina dalle 9,30 alle 12,30 e venerdì pomeriggio dal...
Noi del Volontariato Vincenziano rivolgiamo un appello per una famiglia particolarmente bisognosa di tutto il necessario...
Guardaroba: Il Gruppo Volontariato Vincenziano che gestisce il servizio guardaroba comunica che si ricevono  indumenti...

Archivio parrocchiale

Il sacerdozio e Maria. A conclusione dell’anno sacerdotale, vogliamo presentare una riflessione sul legame tra la Mad...
Il caso: il distributore di carburante. (articolo pubblicato su "La Sicilia" del 12 agosto 2010) Accanto alla chiesa i...
Ex cattedrale nel deserto. Pubblicato il bando pubblico per l’appalto dei lavori di completamento di una delle due ...

Auguri a...

Antonella e Luciano annunciano a tutta la comunità che l' 11 febbraio 2013 è nato il loro primogenito Fabrizio. La Ch...

Shinystat

Avviso importante

Programma settimanale della parrocchia

Attivita del mese

Ottobre 2012 21 Domenica XXIX Domenica del Tempo Ordinario Giornata Missionaria Mondiale: Raccolta. Ritiro Spirituale Comunità “Gesù ama” Ritiro Spirituale Rinnovamento nello Spirito Catechesi... Leggi tutto...
Corso matrimoniale

Sono on-line le nuove schede del corso di preparazione al matrimonio. Visita la sezione "modulistica" oppure la sezione "Corsi" per scaricarle... 
La nuova chiesa

Sono state pubblicate le foto del progetto della nuova chiesa BMV di Loreto. Potete vederle all'interno del menu "La Chiesa" nella sezione "la chiesa domani" 
Giovedì sacerdotale

Giovedì 8 novembre ore 18,00: Giovedì sacerdotale presso la chiesa della Matrice.   I prossimi incontri sono previsti nei seguenti giorni: 08.11.2012 ore 18,00 Matrice06.12.2012 ore 18,00... Leggi tutto...
Corsi matrimoniali

Disponibile il modulo per la frequenza ai corsi matrimoniali e le schede del corso nella sezione corsi/corsi matrimoniali/schedecorso 
Lectio Divina

Ogni martedì, alle ore 18,00, in parrocchia si terrà la lectio divina. Il tema che sarà sviluppato quest’anno riguarda il CREDO. Ci interrogheremo sul senso da dare a questo verbo. Cercheremo di... Leggi tutto...
Epifania 2019 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 05 Gennaio 2019 00:00

Epifania del Signore

Liturgia

A scuola dei cercatori di Dio

E’ assolutamente necessario un bagno nella cultura semitica per comprendere meglio questa pagina di Matteo (Mt 2,1-12) che la liturgia di oggi ci fa ascoltare e celebrare. Non dobbiamo dimenticare che gli evangelisti hanno raccontato la vita di Gesù con la loro cultura semita, con la loro concezione di fede, attingendo abbondantemente alla secolare esperienza dei loro antenati, narrata nella letteratura biblica. Questo modo di raccontare si chiama midrash, ovvero ricerca, più precisamente ricerca di Dio. Per noi occidentali è davvero difficile entrare in questa cultura biblica. L’episodio narrato è quello dei Magi, che partiti dall’Oriente, vanno a Betlemme per adorare il bambino che è nato e propongono un modo per cercare Dio. Una vicenda strana, destabilizzante, colta come leggendaria, oppure una pagina inquietante che esige una risposta aggiornata alla domanda che fa muovere i passi ai Magi: “Dov’è colui che è nato?”. La vita ha senso se cerchiamo, come i Magi, di dare una risposta a questa domanda, se cerchiamo di metterci in cammino lasciandoci guidare dalla luce della stella. Erode è già sul posto e ha paura del bambino che è nato, teme di essere spodestato. Gli uomini di potere hanno paura di perdere le poltrone e preferiscono determinare l’eliminazione di colui che rappresenta la novità, il mistero di un Dio che decide di stare con gli uomini.

Un primo passo che dobbiamo fare nel nostro cammino è quello di sacrificare quel fascino che il racconto ha suscitato nella nostra infanzia per lasciarci sorprendere dalla novità che Matteo intende comunicarci. Una storia, quella narrata da Matteo, che ha per protagonisti alcuni Magi, che rappresentano uomini e donne di ogni tempo che vanno alla ricerca di Dio. Una storia che mi appartiene, una storia faticosa, tormentata dal dubbio, non sempre illuminata dalla luce, gratificata dall’incontro con “Colui che è nato”, visto nelle periferie della città. Lasciamo pure come protagonisti questi Magi, senza interessarci del loro numero, dei nomi, della loro posizione sociale. Ma chi sono davvero i Magi? Sono studiosi che cercano di prevedere il futuro attraverso la posizione degli astri e gli eventi della natura, come il volo degli uccelli. L’elemento più rilevante è che sono dei pagani, ovvero lontani da Dio, su cui l’ebreo invoca la punizione divina: “Signore, riversa lo sdegno sulle genti che non ti riconoscono e sui regni che non invocano il tuo nome” (Sal 79,6). Ed ecco la sorpresa: i primi a riconoscere Gesù come il Signore sono i pagani, quelli che praticavano la magia, i più lontani. A Gerusalemme invece, quelli del palazzo, pur sapendo della luce nuova che viene dalla stella (Mi 5,1) sono terrorizzati dalla nascita del bambino.

Cominciamo la nostra analisi cercando di scrivere il testo nel nostro cuore, perché possa essere vivificato. Se leggiamo più volte il testo scopriremo oltre la trama generale una serie di nuovi dettagli, che daranno al testo sempre più luce.

«Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: “Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo”». Dopo aver presentato Gesù nel mistero della sua persona, Matteo narra le reazioni degli uomini alla nascita del bambino. Non è difficile cogliere la duplice relazione Gerusalemme – Betlemme ed Erode – Magi. La menzione di Betlemme come luogo dove nasce Gesù appare come di passaggio, ma assolutamente necessaria perché dà l’inizio al racconto. Con l’arrivo dei Magi a Gerusalemme inizia la narrazione. Non vengono dati i loro nomi, la loro provenienza, il loro numero. Attirati da una stella, che nelle culture antiche appare come un presagio di nascite straordinarie, e che Matteo probabilmente utilizza come richiamo alla profezia di Balaam in Num 24,17,  giungono a Betlemme, la patria di Davide. Il loro viaggio è mosso da una ricerca appassionata che li farà apparire quasi ingenui davanti alla scaltrezza di Erode. Essi infatti non vedono in lui un potenziale ostacolo al loro cammino. Si ritrovano davanti al re dei Giudei, ma non a un discendente davidico. La domanda circa il luogo della nascita del “re dei Giudei” appena nato provoca un vero e proprio terremoto in Erode che si muove in una ricerca ansiosa. Ma a differenza dei Magi che hanno affrontato un lungo viaggio, Erode affida ad altri il compito dell’indagine. Nei vangeli Gesù è chiamato “re dei Giudei” solo nel racconto della passione e dai pagani: Pilato, i soldati, nell’iscrizione sulla croce. Gli Israeliti parlavano del Messia come re di Israele.

«All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero:“A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Viene presentato il sanguinario Erode  come antagonista del bambino. La reazione di Gerusalemme è un’anticipazione del rifiuto che la città avrà nei confronti di Gesù (cfr Mt 21,10). Nella teologia di Matteo, Gerusalemme è la città dell’assassinio di Gesù. E’ davvero assurdo che un bambino possa suscitare una tale reazione. Erode, da abile politico, finge di collaborare e fornisce indicazioni utili sulla domanda dei Magi, dopo aver sentito i capi dei sacerdoti e gli scribi. Al lettore non sfugge l’interesse teologico di Matteo nella menzione di questi personaggi nel racconto della passione. La citazione manifesta la genialità di Matteo che usa con grande libertà i testi sacri, combinando insieme Mic 5,1 e 2Sam 5,2.  Viene così enfatizzato l’agire di Dio che sceglie la periferia, qui rappresentata da Betlemme, e non il centro, Gerusalemme. L’uomo cerca la grandezza, il potere, Dio invece la piccolezza. Gli interpreti ufficiali delle scritture non traggono nessuna conseguenza, e si rendono in qualche modo complici di Erode. E così la teologia e l’esegesi dei testi diventano sterili e staccate dalla vita. Non serve conoscere le scritture se non si sta nella stessa lunghezza d’onda di Dio.

«Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: “Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo”. Udito il re, essi partirono». Erode incomincia ad architettare il suo piano di distruzione. Convoca i Magi “di nascosto”sperando di poterli avere come complici. Anche Giuseppe aveva cercato “di nascosto” di ripudiare Maria, ma per un motivo più nobile: evitare che Maria potesse diventare oggetto di scherno nel villaggio, esprimendo così attenzione e oculatezza nei suoi confronti. L’incontro tra Erode e i Magi è carico di tensione. La furbizia di Erode appare più chiaramente nel manifestare ai Magi il suo proposito di volere pure lui andare ad adorare il bambino.

«Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima». La stella riappare, diventa guida e accompagna i Magi verso Betlemme, sul luogo dove si trova il bambino. La loro gioia è grandissima. Scrittura e stella, ovvero parola e creato, sono i modi di comunicare di Dio e diventano nel testo le coordinate utili per incontrare il messia. La stella scompare là dove la Parola assume volto umano.

«Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese». Siamo alla conclusione del cammino con l’atto di adorazione da parte dei Magi nei confronti di Gesù. Questo atteggiamento nel vangelo di Matteo è riservato a Gesù dai discepoli (14,33), o da persone che gli chiedono aiuto (8,2; 9,18; 15,25; 20,20). Dopo l’adorazione avviene l’offerta dei doni preziosi: oro, incenso e mirra, come riconoscimento della sua regalità. Già in Origene troviamo l’interpretazione allegorica: l’oro per la dignità regale, la mirra per la sua morte e l’incenso per la sua divinità.  Luogo dell’adorazione non è il tempio di Gerusalemme ma la casa di Giuseppe a Betlemme. Dio guida ancora il cammino dei Magi, rivelando in sogno l’ipocrisia di Erode e così i Magi fanno ritorno nella loro terra senza passare da Erode per fornirgli le informazioni richieste.

Don Gino Faragone

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 05 Gennaio 2019 23:27